Compiti a casa. Guardare e non toccare?

dubbio

Il ruolo del genitore allenatore non è assolutamente facile: a volte, quando ci troviamo di fronte ai compiti dei nostri ragazzi non sappiamo bene come porci, quale atteggiamento assumere. Lo aiuto o lascio che faccia da solo? E se porta a scuola un compito pieno di errori?

  • Sappiamo che il nostro ruolo è quello di sostenere i nostri bambini, di essere rassicuranti e di stimolare la loro curiosità.
  • Sappiamo che è importante predisporre un ambiente di studio sereno silenzioso e organizzato con libri, penne e quant’altro a disposizione.
  • Sappiamo che dobbiamo stimolare la loro motivazione individuando le giuste leve.

Insomma, la teoria la conosciamo tutta e la mettiamo anche in pratica, ma il momento dei compiti resta sempre il peggiore della giornata.

Quindi, invece di pensare sempre alle azioni che possiamo mettere in atto, fermiamoci a pensare a cosa non dobbiamo assolutamente fare.

Ecco qui di seguito 4 indicazioni che possono esserti utili partendo sempre dal presupposto che i compiti non sono nostri, ma dei figli.

bambino che fa i compiti

Non dobbiamo…

  • Non dobbiamo sostituirci all’insegnante.

In che senso? Se ti rendi conto che tuo figlio non ha capito un concetto, è giusto che tu provi a spiegarglielo nuovamente, ma usando la stessa metodologia dell’insegnante e non una diversa. Non è assolutamente utile che tu spieghi a tuo figlio come si fa la divisione usando un sistema diverso rispetto a quello che il docente ha spiegato in classe. Questo può succedere perché ti sembra sia più efficace (per te) o più veloce o perché tu l’hai sempre fatto così e ha sempre funzionato. Se a scuola si usa un metodo e a casa un’altro l’unica cosa certa è che aumenta la confusione.

  • Non dobbiamo correggere i compiti.

Anche questo fa parte del lavoro dell’insegnante. Lo so che è difficile non cadere nella tentazione di mandare tuo figlio a scuola con i compiti tutti giusti, ma gli errori servono a far capire al docente cosa il bambino ha compreso e cosa no. Lo so che abbiamo paura del brutto voto o del giudizio negativo e che vogliamo proteggerli da una delusione. Questa nostra paura dipende dal fatto che abbiamo un concetto sbagliato di voto. Non è il bambino o le sue capacità che vengono giudicate, ma il voto è un feedback su quello specifico argomento.

  • Non dobbiamo essere troppo presenti.

Il bambino ha diritto di provare e sbagliare: suggerire strategie e spronarlo a cercare nuove strade va bene, ma dargli le istruzioni per arrivare al risultato è come fare i compiti al posto suo.

  • Non dobbiamo fare i compiti al posto loro

Visto che noi le divisioni le sappiamo fare non dobbiamo sviluppare questa competenza, i nostri ragazzi invece sì. Rischiano solo di imparare che tanto ci sarà qualcuno che si sforzerà e farà le cose per loro. So bene che a volte ci spazientiamo talmente tanto, oppure abbiamo fretta e diventa più semplice “dettare” i passaggi, ma dobbiamo essere consapevoli che così non aiutiamo nessuno. Meglio piuttosto scrivere una giustificazione sul diario: i nostri ragazzi hanno delle difficoltà e l’insegnante sa che queste non spariscono a casa.

Il tempo dedicato ai compiti, può davvero essere un momento molto produttivo e complementare a quello dell’insegnante. Se impariamo a vivere il momento compiti senza troppa ansia e con la giusta distanza può migliorare il rapporto di fiducia con tuo figlio e quello di tuo figlio con le sue capacità e la sua autostima.

Facile a dirsi, difficile a farsi. Come sempre ne parleremo giovedì 16 alle 14 durante la diretta su facebook!

Ti aspetto!

 

A te la parola

La tua email non sarà pubblicata.

// Set to false if opt-in required var trackByDefault = true; function acEnableTracking() { var expiration = new Date(new Date().getTime() + 1000 * 60 * 60 * 24 * 30); document.cookie = "ac_enable_tracking=1; expires= " + expiration + "; path=/"; acTrackVisit(); } function acTrackVisit() { var trackcmp_email = ''; var trackcmp = document.createElement("script"); trackcmp.async = true; trackcmp.type = 'text/javascript'; trackcmp.src = '//trackcmp.net/visit?actid=25280580&e='+encodeURIComponent(trackcmp_email)+'&r='+encodeURIComponent(document.referrer)+'&u='+encodeURIComponent(window.location.href); var trackcmp_s = document.getElementsByTagName("script"); if (trackcmp_s.length) { trackcmp_s[0].parentNode.appendChild(trackcmp); } else { var trackcmp_h = document.getElementsByTagName("head"); trackcmp_h.length && trackcmp_h[0].appendChild(trackcmp); } } if (trackByDefault || /(^|; )ac_enable_tracking=([^;]+)/.test(document.cookie)) { acEnableTracking(); } "/>
Informativa sulla Cookie Privacy di questo Sito

Questo sito o gli strumenti terzi che utilizza si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento, di cookie di tracciamento utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per i dettagli consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando sulla pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco